Un aspetto fondamentale nella scelta del serramento è il materiale di cui è fatto, questo perché da esso dipendono:

-La durata della finestra: un materiale di qualità dovrebbe garantire almeno 25-30 anni di utilizzo;

-l’isolamento termico e la conseguente formazione di condensa e di muffa;

-l’isolamento acustico.

Ma quali fattori entrano in gioco quando si tratta di scegliere gli infissi?

  1. a) I costi;
  2. b) la durata;
  3. c) l’estetica;
  4. d) l’isolamento termico;
  5. e) la pulizia e loro manutenzione.

I costi

Se si ha intenzione di risparmiare, a parità di qualità e di dimensione dei serramenti, il confronto è vinto senza dubbi dal PVC. Tuttavia, il punto da tenere a mente è che tale vantaggio non sempre regge nel medio-lungo termine.

La durata

I serramenti in alluminio hanno una vita media maggiore. L’alluminio è un metallo quasi indistruttibile, che resiste meglio ad intemperie, sbalzi di temperatura e raggi solari. Gli infissi in PVC hanno una durata inferiore rispetto agli omologhi in alluminio. Questo perché gli infissi in PVC, a temperature eccessive per molte ore, potrebbero avere cedimenti strutturali o dilatarsi col tempo.

L’estetica

Questa è sicuramente la variabile più soggettiva: i materiali non offrono le stesse possibilità di personalizzazione. Gli infissi in alluminio si prestano ad essere scelti in una vasta gamma di colori, risultando di norma più adatti nei contesti aziendali o nelle abitazioni improntate a stili moderni o minimal. Il tono naturale del PVC è il bianco, gli altri toni si possono comunque ottenere applicando pellicole.

Spesso la scelta dipende dalle dimensioni: l’elevata resistenza meccanica dell’alluminio consente di realizzare serramenti molto ampi con grandi vetrate. Si pensi ai grandi open space tipici delle case moderne. In questo caso la scelta è quasi obbligata, nel senso che solo l’alluminio garantisce elevata resistenza meccanica alle sue mansioni.

L’isolamento termico

I manufatti in PVC rispondono molto bene: il pvc infatti è un ottimo isolante termico, la sua trasmittanza è molto bassa e consente di aumentare notevolmente l’efficienza energetica della casa. È un materiale completamente impermeabile e questo permetterà di evitare spiacevoli condense sulle finestre, anche con sbalzi di temperatura molto elevati. Il loro unico punto debole è la possibilità, residua ma non impossibile, che col tempo si deformino o cedano alle grandi sollecitazioni atmosferiche.

I serramenti in alluminio invece garantiscono isolamento termico solo se hanno il taglio termico. Solo quest’ultimo infatti garantisce la separazione tra l’alluminio esterno da quello interno, e quindi il non passaggio di caldo o freddo dall’esterno all’interno.

Dunque, è preferibile scegliere infissi in Pvc o Alluminio?

Perché scegliere, quando è possibile avere entrambi?

INNOVA, una soluzione completa che sposa in unico infisso le caratteristiche peculiari dell’alluminio, (robustezza- affidabilità e durabilità) a quelle del PVC (ottimo isolamento termo-acustico).

Alluminio e PVC, da sempre antagonisti, vengono uniti per dare vita ad un serramento straordinario. Grazie all’unione di questi due materiali, la finestra INNOVA è in grado di garantire un livello altissimo di isolamento termico e acustico, una resistenza notevole agli agenti atmosferici ed un alto grado di sicurezza.

I profili in PVC, con cui realizziamo le finestre INNOVA, grazie ad un innovativo procedimento di estrusione, tutto Italiano, vengono fusi intorno ad un’anima di alluminio determinandone il rinforzamento con un unico inseparabile abbraccio.

Si tratta di un sistema italiano brevettato da INNOVA, nato dopo anni di studio e ricerca, che supera il concetto classico degli infissi in PVC offrendo al mercato una soluzione rivoluzionaria.

Acquistando una Finestra INNOVA, con qualche centesimo in più rispetto al tradizionale e superato infisso in PVC e diversi euro in meno rispetto all’infisso in alluminio, portate a casa non uno ma ben due infissi!