Per cambiare gli infissi è possibile sfruttare le detrazioni Ecobonus 110% se la sostituzione rientra nei lavori trainati: requisiti e regole.

L’ ecobonus 110 % serramenti, è l’argomento del momento, e sono in tanti a chiedersi come sfruttare al meglio le nuove detrazioni fiscali previste dal DL Rilancio.

Attualmente, per la sostituzione di porte e finestre la detrazione minima è pari al 50% delle spese sostenute. Con le novità introdotte dal Dl Rilancio (articolo 119 del dl 34/2020), è poi possibile usufruire dell’Ecobonus al 110% per le spese sostenute dal primo luglio 2020 al 31 dicembre 2021 anche per sostituire gli infissi, a patto di rispettare determinate condizioni.

Il Bonus infissi al 110% è fruibile solo se abbinato a lavori ad alta efficienza energetica.

Gli infissi rientrano negli interventi “trainati”, che possono accedere ad ecobonus 110%, attraverso un intervento di coibentazione più complesso, che porti al miglioramento di almeno 2 classi energetiche dell’edificio.

Ciò significa che se si sostituiscono gli infissi contestualmente al cappotto termico dell’edificio, allora la spesa sarà detraibile al 110%.

Per poter accedere al 110% gli interventi devono assicurare il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio.

Dunque, per avere diritto al cosiddetto Superbonus 110%, ovvero al nuovo Ecobonus 2020, è necessario che, oltre alla sostituzione degli infissi, venga effettuato almeno uno degli altri lavori definiti “trainanti“:

-interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo, entro un limite di €60000 moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio

-sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A, a pompa di calore, ibridi o geotermici con la differenza di tetto, pari a €20.000 moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici che hanno fino a 8 unità immobiliari mentre scende a €15.000 moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici con più di 8 unità immobiliari.

-sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A, a pompa di calore, ibridi o geotermici con abbinamento eventuale ai sistemi fotovoltaici (limite di spesa fissato a €30000 euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari) che riguardino edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti (con accesso separato)

In ogni caso è richiesto il miglioramento di almeno 2 classi energetiche o, se non possibile, il raggiungimento del miglioramento massimo tecnicamente raggiungibile, da attestare tramite certificazione APE, attestato di prestazione energetica, rilasciato da tecnico abilitato.

In alternativa, La Legge di Bilancio per l’anno solare 2020  ha confermato l’aliquota di detrazione della spese sostenute: ogni contribuente potrà portare in detrazione, al momento della dichiarazione dei redditi, il 50% delle spese totali sostenute per eseguire i lavori.

Sia che si acceda all’Ecobonus 110% che alla detrazione fiscale al 50%, sarà inoltre possibile scegliere tra tre opzioni:

-detrazione in dichiarazione dei redditi, spalmata su 5 anni;

-cessione del credito, anche a banche e istituti finanziari;

-sconto in fattura, poi recuperato come credito d’imposta.

 

 

Detto anche Super bonus 110%, l’Ecobonus 110% è un provvedimento che vuole imprimere una fortissima accelerazione all’attività di riqualificazione edilizia in brevissimo tempo, indirizzandola verso la cosiddetta transizione energetica.
A usufruire dell’ecobonus 110 percento per la ristrutturazione 110 sono i condomini, gli Istituti delle case popolari e nel caso di lavori eseguiti sui singoli appartamenti le persone fisiche fuori dall’esercizio di attività di impresa.

L’ecobonus 110% sarà valido per le spese sostenute a partire dal 1º luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021.
Pur trattandosi di un buon provvedimento, mette in difficoltà i rivenditori di porte e finestre, difficoltà che potrebbero protrarsi sul lungo periodo.
Difatti, i prospect, piuttosto che spendere qualche migliaio di euro per sostituire i serramenti, stanno già chiedendo al loro condominio e all’amministratore di darsi da fare per effettuare i lavori complessivi che danno diritto all’ecobonus 110% per poter detrarre con questa aliquota anche i serramenti che ognuno farà per proprio conto.
Questo significa che a fine luglio le aziende del settore serramenti rimarranno congelate nuovamente. Era già successo, nel 2013, quando ad aprile, i politici annunciarono che avrebbero aumentato l’ecobonus dal 55% al 65%, con decorrenza 1° giugno. Il risultato? Le aziende del settore ferme nei mesi di aprile e maggio.
Se non si modificherà qualcosa nel testo di legge il settore dei serramenti subirà nei prossimi anni un calo importante.
Inoltre, tenendo conto delle divergenze che pervadono tutti i condomini della penisola, conoscendo i tempi lunghi per impostare i lavori di riqualificazione energetica (decisioni di assemblea, analisi energetiche pre-lavori, attivazione di uno studio di progettazione dell’impresa di costruzione, di un impiantista, progetto, ricerca dei finanziamenti ecc.), i serramenti saranno considerati per ultimissimi dopo questa lunga trafila burocratica-temporale. Parliamo non di mesi ma di anni.
Ci sono due provvedimenti troppo sbilanciati: da un lato l’ecobonus 110 % su 5 anni per i lavori condominiali e dall’altro l’ecobonus 50% in 10 anni per la semplice sostituzione dei serramenti.
Ed è comprensibile che i prospect desiderino il 110% ma per i serramentisti significa non vendere più.
La proposta che giunge dall ’Ing. Salvatore Cirillo, proprietario di quattro rivendite milanesi di porte e finestre è semplice: “innalzare l’aliquota per la sostituzione dei serramenti dal 50 al 70%, a prescindere dal fatto che ci siano lavori a ecobonus 110%.

Ogni azione umana, ogni oggetto fabbricato dall’uomo, sia esso prodotto con materiali già presenti in natura o ottenuto invece attraverso trasformazioni industriali, ha come effetto un determinato impatto ambientale.
L’ambiente è costantemente sotto attacco delle multinazionali e delle grandi industrie che prestano attenzione solo a realizzare grandi numeri.
INNOVA, invece, gestisce il processo produttivo in modo da ridurre il più possibile l’impatto ambientale.
Come? Utilizzando materie prime esenti da componenti tossici e dannosi per l’ambiente.

Salute e sicurezza sono al primo posto per finestre Innova
La finestra Innova è in calcio, zinco e ossido di titanio che è una sostanza che si trova anche nel dentifricio per sbiancare i denti.
Gli additivi stabilizzanti sono assolutamente innocui, quali calcio e zinco, e già presenti naturalmente nell’organismo degli esseri umani.
Inoltre, tutti i materiali utilizzati per la realizzazione dei sistemi sono altamente riciclabili e tutti rigorosamente Made in Italy.

Pvc, sicuro e certificato
Molti produttori di finestre in PVC di alcuni paesi esteri fanno uso di PIOMBO e di altri materiali dannosissimi per la salute.
Il Parlamento europeo, appurati i rischi legati al suo utilizzo, ha respinto la proposta che voleva fissare il limite dello 0,1% di piombo nel PVC e soglie più alte per il PVC riciclato: 2% nel PVC rigido e 1% nel PVC flessibile/morbido. Ma nonostante ciò il piombo è ancora presente nel PVC importato.
Il PVC INNOVA è sicuro, privo di sostanze nocive, in quanto vengono utilizzati solo materiali provenienti da aziende italiane certificate, che rispettano le normative europee di sicurezza e benessere.
Il Polivinilcloruro (PVC) è uno dei materiali di maggiore consumo al mondo e più studiato dal punto di vista della eco-compatibilità, ossia del rispetto per l’ambiente. Infatti, essendo composto per il 50% da materia prima rinnovabile (il sale), i manufatti in PVC riducono il consumo e l’utilizzo di risorse naturali e le emissioni di CO2 anche nella fase di smaltimento. Inoltre la lunga durata dei serramenti, la produzione con pochi scarti, il risparmio energetico e la possibilità di riciclaggio al 100% evidenziano il contributo degli infissi INNOVA in difesa dell’uomo e dell’ambiente in cui vive.

La finestra non è solo un componente dell’arredo ma richiede alti requisiti tecnici, come stabilità e solidità nel tempo, isolamento termo-acustico, efficienza energetica della casa, maggiore sicurezza ect. Si tratta di fattori influenzati dalle tecniche costruttive della finestra.

Perché scegliere INNOVA?

Innova è un sistema brevettato in PVC/alluminio, nato dopo anni di studio e ricerca, che supera il concetto classico degli infissi in PVC offrendo al mercato una soluzione rivoluzionaria.

INNOVA srl è l’unica Azienda Italiana specializzata in estrusione per profili in PVC con anima in alluminio brevettati.

Che cos’è il sistema brevettato di coestrusione?

Il sistema di coestrusione modifica il mercato degli infissi in PVC. Attraverso un processo di lavorazione meccanica “a compressione”, i profili in PVC sono estrusi con rinforzo in alluminio. Il sistema è migliorativo sia dal punto di vista delle prestazioni meccaniche che dal punto di vista della velocità di costruzione degli infissi.

Il PVC è coestruso sull’anima centrale in un tubolare chiuso di alluminio dalla speciale conformazione appositamente progettato per assolvere alla funzione di irrigidente strutturale perimetrale continuo. Questo consente di azzerare gli investimenti necessari per realizzare finestre in PVC e di proporre finestre in Pvc con caratteristiche sia tecniche che estetiche fortemente distintive.

L’anima in alluminio ed il sistema di fissaggio garantiscono una resistenza eccezionale ai carichi e alla deformazione attribuendo all’infisso “Innova” ottima funzionalità e stabilità nel tempo.

Inoltre, i profili utilizzati sono prodotti in Italia con una mescola ottenuta da materie prime di qualità a base di cloruro di polivinile (PVC rigido), senza ammorbidenti aggiunti e molto resistente agli urti anche a bassa temperatura, stabilizzato e con caratteristiche di alta resistenza agli agenti atmosferici, autoestinguente secondo i parametri della classe 1 di reazione al fuoco.

Scegli un prodotto competitivo e diverso dai soliti prodotti sul mercato!

Il sistema brevettato di coestrusione garantisce prestazioni elevate ai profili e quindi ai serramenti. Questo sistema risulta essere vincente per la realizzazione di serramenti in maniera economica, autonoma e indipendente.

Sei un serramentista e desideri riappropriarti del tuo lavoro e gestire in autonomia i tuoi clienti? Entra a far parte del network INNOVA!

INNOVA rappresenta un punto di riferimento per serramentisti e showroom che, attraverso il confronto con altri esponenti del settore e l’acquisizione di una precisa identità professionale, guadagnano un valore aggiunto appartenendo ad un gruppo dalle modalità collaudate, dai valori ispirati al Made In Italy e dall’etica lavorativa salda e professionale.

Essere un POINT INNOVA vuol dire avere la garanzia di un prodotto altamente competitivo, dal sistema brevettato, e poter contare sul supporto e sulle conferme costanti del network, da cui è possibile ricevere confronti, consigli e soluzioni innovative. Ciò contribuisce alla creazione di una precisa identità professionale e alla realizzazione di una rete di professionisti con competenze e metodi collaudati.

Quali sono i vantaggi di essere un Point INNOVA?

Diventare un POINT INNOVA significa:

  • avere la garanzia di un prodotto altamente competitivo, sia in termini di qualità funzionali che tecniche, ma anche per valore estetico e di design, dal sistema brevettato;
  • poter presentare un prodotto realizzato solo ed esclusivamente con materie prime di altissima qualità di provenienza italiana;
  • poter contare sul supporto e sulle conferme costanti del network, da cui è possibile attingere confronti, consigli e soluzioni innovative, per la posa in opera, per i protocolli operativi, per il marketing punto vendita ecc.;
  • entrare in contatto con altri serramentisti e crescere professionalmente;
  • un valore aggiunto con kit aziendali e immagine coordinata;
  • punto di riferimento per lavori professionali e sicuri, secondo norme ministeriali.

Entra nel gruppo INNOVA!

Innova è pronta a ripartire garantendo sicurezza, efficienza e prodotti di alta qualità

L’emergenza da Covid-19 ha segnato una frattura importante nella nostra quotidianità, costringendoci a cambiare radicalmente le nostre abitudini. Il lavoro, lo svago, i viaggi, persino la semplice uscita quotidiana… Ogni cosa è cambiata, ed è importante sapersi adeguare per tornare operativi quanto prima.

Oggi, l’espressione “ritorno alla normalità” appare inopportuna e spaventa, sia da un punto vista sociale che economico. Se proprio vogliamo utilizzarla potremmo completarla con un aggettivo “ritorno ad una normalità diversa”.

Torneremo a produrre, vendere e comprare gli stessi beni e servizi ma in modo diverso. Precauzioni, approcci, spazi vitali, strumenti, comportamenti sociali e professionali saranno diversi, almeno per un bel po’.

Finito il periodo di quarantena, la Fase 1 del Piano di Emergenza Nazionale, il 4 maggio 2020 si darà inizio alla Fase 2 ovvero al periodo di convivenza con il Covid19, durante il quale le strettissime misure di emergenza sanitaria subiranno un parziale allentamento e favoriranno una timida ripresa delle attività.

Il team INNOVA è pronto e già operativo per la ripresa delle attività in totale sicurezza, rispettando protocolli istituzionali per la tutela di operatori e clienti finali. I magazzini sono pieni e in PRONTA CONSEGNA.

Dalla scelta delle materie prime alla realizzazione del prodotto finito, INNOVA garantisce l’eccellenza del vero e inimitabile MADE IN ITALY. Ora più che mai è fondamentale comprare italiano. È un momento in cui siamo chiamati tutti ad essere solidali e ad avere maggiore sensibilità: aiutare il nostro paese, la nostra regione, la nostra provincia a rimettersi in piedi, a ripartire, perché solo tutti assieme possiamo farcela.

Innova, profondamente legata al territorio e alle tradizioni, segue da sempre i valori di uno stile italiano tipico ed inimitabile che ancora oggi fa la differenza in Italia e nel mondo.

 

Il Parlamento europeo ha finalmente posto il veto su una proposta della Commissione che avrebbe permesso una certa presenza di piombo nel PVC riciclato: una decisione di assoluta importanza per la sicurezza e la salute dell’individuo!

Il piombo deve essere definitivamente eliminato dai prodotti in PVC. È finalmente giunta la risoluzione definitiva del Parlamento Europeo, che ha lo scopo di mettere un punto definitivo all’utilizzo di sostanze nocive all’interno di prodotti in PVC.

Con 394 voti favorevoli, 241 voti contrari e 13 astensioni, i deputati hanno respinto la proposta che voleva fissare il limite dello 0,1% di piombo nel PVC, e soglie più alte per il PVC riciclato: 2% nel PVC rigido e 1% nel PVC flessibile/morbido.

Gli effetti del piombo

Come è già ben noto, il piombo viene utilizzato in alcuni casi come stabilizzante del PVC. I produttori europei, tuttavia, una volta appurati i rischi legati al suo utilizzo, hanno iniziato a eliminarlo gradualmente già nel 2015, grazie all’impegno volontario dell’industria europea del PVC, ma il piombo è ancora presente nel PVC importato. Da tempo il Parlamento continua a sostenere la posizione secondo cui il riciclaggio del PVC non deve perpetuare il problema della presenza nell’ambiente dei metalli pesanti.
Nella risoluzione i parlamentari sottolineano che la proposta della Commissione contraddice il principio fondamentale del regolamento REACH, che è quello di proteggere la salute umana e l’ambiente, ricordano che il piombo è una sostanza tossica che può danneggiare gravemente la salute e causare danni neurologici irreversibili, anche a basse dosi. Essi ritengono che i livelli proposti dalla Commissione non corrispondano a “livelli di sicurezza” e sottolineano la disponibilità di alternative.

Come scegliere infissi sicuri?

La sicurezza e la certezza di materiali rigorosamente Made in Italy sono fattori importantissimi nella scelta del consumatore, sempre più attento all’aspetto ambientale ed al benessere della propria famiglia. Spesso i produttori di finestre in PVC di alcuni paesi esteri fanno uso di PIOMBO e di altri materiali dannosissimi per la salute. Bisogna, quindi, saper distinguere un buon infisso in PVC da altri di scarsa qualità, perché questi ultimi potrebbero essere seriamente nocivi per la salute.

INNOVA srl è l’unica azienda italiana specializzata in estrusione per profili in PVC con anima in alluminio (brevettati) che utilizza materie prime esenti da componenti nocivi come piombo e cadmio sostituendoli, per la salute dei suoi clienti e per il benessere dell’ambiente, con calcio e zinco.
Il PVC (polivinilcloruro) è uno dei materiali più studiati dal punto di vista della eco-compatibilità, intesa in termini di rispetto per l’ambiente. Infatti, essendo composto per il 50% da materia prima rinnovabile (il sale), i manufatti in PVC riducono il consumo e l’utilizzo di risorse naturali e le emissioni di CO2 anche nella fase di smaltimento. Inoltre la qualità stesse dei serramenti (come la lunga durata, la produzione con pochi scarti, il risparmio energetico e la possibilità di riciclaggio al 100%) evidenziano il contributo dei nostri infissi in difesa dell’uomo e dell’ambiente in cui vive.
I prodotti Innova sono realizzati solo ed esclusivamente con materiali di provenienza italiana, che rispetta le normative europee di sicurezza e benessere perché privo di sostanze nocive.

Scegli un prodotto sicuro per la tua casa! Scegli le finestre INNOVA.

Sostituire gli infissi può rappresentare una scelta costosa, eppure indispensabile per il benessere e la sicurezza della tua casa.

Dopo un certo periodo di tempo, i comuni infissi di casa iniziano a mostrare i primi segni di cedimento. Le chiusure diventano imperfette, vi è perdita di isolamento e la manutenzione inizia ad essere più necessaria del solito.

Si tratta di piccoli problemi che possono impattare in maniera decisiva sul comfort abitativo, soprattutto negli ultimi tempi, che vedono un clima sempre più rigido e instabile.

Oggi non è più possibile accontentarsi.

Per difendere gli ambienti della propria casa dagli agenti atmosferici ed inquinanti sempre più invasivi e violenti, è importante non solo cambiare gli infissi vetusti, ma soprattutto optare per la scelta giusta.

Gli infissi INNOVA sono di qualità superiore, in grado di garantire risparmio energetico, e sicurezza da intrusioni, smog e tanti altri fattori possono cambiare la tua vita quotidiana.

Scegliendo INNOVA è possibile avere il meglio in termini di qualità funzionali e tecniche, ma anche per valore estetico e di design. Si tratta infatti di una soluzione altamente personalizzabile, che garantisce una ricca varietà di colori e pensata per adattarsi a qualunque contesto abitativo.

È arrivato il momento di cambiare gli infissi: fallo bene!

Scegli INNOVA.

Dopo il successo presso BeOpen Porte & Finestre a Roma, FINESTRE INNOVA desidera ringraziare tutti i professionisti che hanno visitato lo stand in occasione dell’evento. La fiducia e la decisione con cui numerosi operatori del settore hanno scelto di rivolgersi a noi, è motivo di grande orgoglio, e testimonia come i veri professionisti hanno avuto modo di conoscere INNOVA come garanzia di qualità, italianità e valore.

BeOpen è stata inoltre l’occasione per incontrare nuovi professionisti, che hanno raggiunto il nostro stand già convinti del reale valore del prodotto quale valida alternativa rispetto alle altre proposte attualmente sul mercato dei serramenti.

La finestra Innova è la prima e unica finestra in pvc e alluminio senza saldature. Il sistema brevettato rende possibile il montaggio a 45 gradi mediante squadrette al posto delle saldature e permette di estrudere il PVC direttamente sull’anta centrale in un tubolare chiuso di alluminio appositamente progettato per assolvere alla funzione irrigidente strutturale perimetrale continuo.

Ti sei mai chiesto quali sono i vantaggi di una finestra senza saldature? I vantaggi della finestra senza saldature Innova sono davvero per tutti

Per l’artigiano che la monta vuol dire risparmiare tantissimo tempo con un semplice montaggio a squadrette e la possibilità di effettuare interventi di manutenzione in pochissimo tempo. Una finestra Innova senza saldature è esteticamente bellissima e resistente.

La finestra senza saldature garantisce una pulizia perfetta

Senza saldature gli spazi di annidamento dello sporco non esistono, questo vuol dire che pulire una finestra Innova è più semplice e che l’igiene ottenuta sarà del 100%. Addio sporcizia, addio allergeni, igiene e salute saranno garantite per sempre.

Migliore tenuta agli sbalzi termici

Una finestra Innova in pvc e alluminio è refrattaria a qualsiasi sbalzo termico e a tutti gli agenti atmosferici, garantisce un isolamento perfetto e un risparmio energetico notevole. Nessuna finestra in pvc in commercio ti garantisce le stesse prestazioni.

Finestra senza saldature: bellezza ineguagliabile

Una finestra senza saldature Innova è esteticamente elegante, la struttura è davvero perfetta e c’è la possibilità di scegliere fra una vasto assortimento di modelli e colorazioni.

Hai trovato la finestra dei tuoi sogni!